IMMANENZA E TRASCENDENZA

“Sei nervoso anche oggi?” “Ma no, non sono nervoso” “Senti, sono tua moglie da trent’anni e lo vedo a mille chilometri quando sei nervoso” “Forse questa quarantena, non poter uscire, non so” “Te lo dico io perchè sei nervoso, perchè non vedi la tua amante da un bel po’” “Forse per quello. Sai ci vediamoContinua a leggere “IMMANENZA E TRASCENDENZA”

L’ANNIVERSARIO

“Carla dov’è il nonno?”“Non lo so, l’ho visto prima che si metteva il cappello.”“Il cappello? Per fare che?”“Boh, pensavo che se lo stesse provando”.“Cercatelo subito.”“Nelle stanze non c’è e neanche in bagno”“Io mi vesto e scendo. Vado giù. Voi andate sul balcone per vedere la strada.”“Mamma mamma l’ho visto! E’ salito sul 12 che vaContinua a leggere “L’ANNIVERSARIO”

LA PICCOLA PARTITA IVA (libero adattamento da una nota novella di Andersen)

Era l’ultimo giorno dell’anno: faceva molto freddo e cominciava a nevicare. Una Partita iva camminava per la strada con la testa scoperta. Era uscita di casa, aveva ai piedi le scarpe ormai sformate che lasciavano intravedere i piedi lividi dal freddo. Teneva nel suo vecchio e liso abito un gran numero di ordini che nonContinua a leggere “LA PICCOLA PARTITA IVA (libero adattamento da una nota novella di Andersen)”

L’ORGOGLIO DEL 98

La sveglia è per le sette di mattina.Alzatevi, grida il comandante, oggi è il giorno X e non possiamo sbagliare. Tutti voi sapete cosa fare. Bisogna però trovare il volontario per andare in prima linea dove lo scontro sarà terribile. Il nemico ha messo in campo molte forze e ci sarà da combattere. Il volontarioContinua a leggere “L’ORGOGLIO DEL 98”

IL VIALE

Non dimenticherò mai quella sera. Camminavamo mano nella mano senza parlare. Un viale pieno di alberi con i lampioni accesi tranne uno. Fu lì che pestai una cacca e per non rompere il silenzio magico e complice non dissi nulla. Vedevo le sue narici allargarsi e il suo volto assumere un’espressione infastidita.  Avevo la suolaContinua a leggere “IL VIALE”

UNA STORIA IMPOSSIBILE

“Siamo arrivati alla frutta, ormai ti devo lasciare” “Ti prego, tienimi stretto ancora un pò, facciamo un altro giro, passiamo a prendere una birra” “Ne ho già presa una… ma va bene. Però non rendere tutto più difficile per favore” “Ma perchè mi lasci? perchè?” “Perchè devo tornare a casa da mio marito, ho unaContinua a leggere “UNA STORIA IMPOSSIBILE”

LA PAZIENZA

“Cara tu sai che ti ho sempre rispettato ed abbiamo cercato di venirci incontro in tutte le situazioni.”“Certo amore lo so, per questo ti ho sposato, per la tua capacità di comprensione e di adattamento.”“Ecco per quanto riguarda l’adattamento sai bene che sin dall’inizio abbiamo deciso di vivere in separazione dei beni e poi abbiamoContinua a leggere “LA PAZIENZA”